Dove andare,  I nostri viaggi

Amaan Bungalows a Nungwi: tutto quello che devi sapere

Dopo la nostra permanenza di qualche giorno sulla costa est dell’isola di Zanzibar dove ci siamo goduti la pace, il silenzio e la tranquillità della spiaggia di Kiwengwa, abbiamo deciso di spostarci per vedere un’altra parte dell’isola.

E’ così che abbiamo trascorso l’altra metà della nostra vacanza a Nungwi, sulla costa nord-ovest di Zanzibar.

mappa zanzibar nungwi

Perché scegliere Nungwi?

LA LOCALITA’

Abbiamo optato per questa località principalmente per due motivi:

  • per la questione “MAREE“: infatti, come già spiegato nel precedente articolo, ogni 6 ore circa a Kiwengwa cambia la marea, quindi a volte dovevamo ricorrere al bagno in piscina per poterci rinfrescare. Questo non accade invece a Nungwi dato che sulla costa ovest si sente molto meno l’influenza della maree. Certo, anche qui il mare si ritira di qualche metro, ma non scompare mai del tutto.

 

  • per la questione “VITA SOCIALE“: dopo la pace, il silenzio e la tranquillità di Kiwengwa avevamo voglia anche noi di vedere “un po’ di movimento” e magari passare una bella serata in qualche locale a berci un cocktail… e a Nungwi c’è senz’altro più scelta!

 

LA STRUTTURA

Per il periodo che abbiamo trascorso a Nungwi, abbiamo alloggiato presso Amaan Bungalows Beach Resort, una struttura molto simile ad un villaggio vero e proprio, con la particolarità di essere collegato a tutte le altre strutture circostanti.

Infatti, una volta varcati i cancelli del Resort, che si trova direttamente sul mare, è possibile attraversarne l’intera struttura passando da hotel a hotel, raggiungendo ristoranti e locali che si trovano sulla costa senza bisogno di uscire dal Resort.

Questa struttura è infatti collegata con quelle adiacenti tramite un passaggio pedonale che ti permettere di uscire dal Resort e poter scegliere dove pranzare o cenare a seconda dei propri gusti.

Avendo infatti scelto la soluzione “Bed&Breakfast” all’Amaan Bungalows avevamo solo pernotto e colazione, in modo da avere ogni giorno l’occasione di cambiare struttura e mangiare a seconda di cosa avevamo voglia di provare quel giorno.

E vi dirò che la cosa ci è piaciuta parecchio!

Abbiamo infatti cambiato ristorante un paio di volte e siamo stati ad una festa sulla spiaggia organizzata da un locale lì vicino senza bisogno di dover uscire dal villaggio per raggiungerla, ma semplicemente passando attraverso le varie strutture che ci separavano dalla festa.

Perché non siamo passati dalla spiaggia?

Perché la sera il mare la sommerge quasi completamente!

 

LE CAMERE

  • camere amaan bungalows

Gli alloggi all’Amaan Bungalows mi hanno ricordato la struttura dei motel che si vedono nei film americani: tantissimi alloggi su due piani separati solo da giardini o dalla piscina.

Nulla da dire sulla pulizia e la cura del dettaglio. Ogni giorno sul nostro letto trovavamo fiori o forme di animali fatti con gli asciugamani a raffigurare cigni, cuori o fiori.

 

LA PISCINA… e non solo!

Tutta la struttura ruota intorno alla zona piscina, attrezzata con ombrelloni, sdraio, tavolini, sedie e gazebi. La cosa che ci è piaciuta di più è stato poter scegliere tra due bar all’interno del residence per sgranocchiare qualcosa a bordo vasca.

Altra opzione per uno snack al volo è acquistare qualcosa dal mini-market (ma molto molto mini!) sempre all’interno della struttura. Comodo anche se vi serve shampoo, bagnoschiuma, spazzolino o altre cose di prima necessità che potreste aver esaurito durante il soggiorno.

Sempre a fianco del mini-market e vicino alla reception potete trovare chi vi organizza un’escursione e vi vende/noleggia l’attrezzatura se volete provare a fare snorkeling.

 

LA CUCINA

All’interno dell’Amaan Bungalows c’è il ristorante che noi abbiamo sfruttato solo per la colazione. Se siete abituati alla classica colazione “cappuccio & brioches” sappiate che resterete delusi.

La colazione che viene servita è internazionale e la scelta è soprattutto tra piatti salati oppure omelettes preparate sul momento. Per fortuna abbbiamo trovato qualcosa che potesse rientrare nei nostri gusti: pane tostato e marmellata con succo di frutta fresco.

 

Per pranzi e cene ci siamo invece affidati alle recensioni di Trip Advisor che sono sempre molto utili.

Abbiamo infatti scoperto il nostro ristorante preferito: il Mama Mia! gestito da due ragazzi italiani che hanno pensato bene di portare la nostra cucina sull’isola (dato che la maggior parte dei turisti a Zanzibar sono italiani!)

Quindi se avete voglia di una bella pizza, di una pasta, ma anche di una grigliata di pesce o carne, vi consigliamo questo posto. Non mancano poi panini e insalate, ideali per chi vuole tornare in fretta in spiaggia, ma anche piatti tipici del posto per chi volesse assaporare la cucina locale.

  • cibo mama mia ristorante

La vista sul mare poi è incredibile!

Tutto il locale si trova su una palafitta e sotto scorrono le onde del mare.

C’è poi la possibilità (quando le maree lo permettono) di poter cenare al piano di sotto, sulla spiaggia, con i piedi nella sabbia e le onde che ti solleticano i piedi. Di sera risulta tutto molto molto romantico!

 

Un altro ristorante che abbiamo apprezzato è stato il Langi Langi, locale tipico con cucina del posto.

Abbiamo assaggiato qualche specialità del posto (di cui non ricordo i nomi… sorry!) ed infine ci siamo gustati una bella grigliata di pesce.

Il tutto sopra una palafitta completamente sul mare… Cena davvero molto romantica!

Il cibo? Ottimo! Posto straconsigliato!

 

NB: Tutti questi locali sono sempre molto pieni, quindi vi consigliamo, come abbiamo fatto anche noi, di prenotare la cena o il pranzo con un giorno di anticipo. In questo modo sarete sicuri di poter riservare il tavolo con la migliore vista e potrete cenare all’orario che desiderate.

 

LA SPIAGGIA

spiaggia nungwi

La spiaggia a Nungwi è libera, non ci sono ombrelloni o sedie sdraio semplicemente perché non ci sono tratti di spiaggia assegnati a una struttura piuttosto che ad un’altra. Quindi è possibile spostarsi ogni giorno senza l’obbligo di restare all’interno dei limiti del Resort.

Non essendoci ombrelloni, quando il sole scottava troppo, ci riposavamo un po’ a bordo piscina, dove invece ci sono gazebi e ombrelloni.

Che altro possiamo aggiungere se non qualche foto per rendere meglio l’idea?

PS. Ne trovate tante altre sul nostro profilo Instagram https://www.instagram.com/travelling_different/

 

UNA RIFLESSIONE…

Anche a Nungwi, come a Kiwengwa, siamo rimasti realmente sconvolti dal divario che esiste semplicemente passando i cancelli che ti permettono l’accesso ai resort.

Dentro noi. I ricchi. I fortunati. I baciati dal cielo.

Fuori il nulla. La miseria, la povertà e persone che vivono in condizioni disumane e ai limiti dell’impossibile.

Possiamo anche credere di essere “abituati” a vedere la fame e la povertà su internet e in Tv, ma vi possiamo assicurare che vedere DAL VIVO certe situazioni ti cambia la vita.

E ancora adesso dopo un anno non posso dimenticare le scene che mi sono passate davanti agli occhi e poi dritte al cuore.

Una volta varcata la soglia che ti permette l’accesso alla “Nungwi turistica” ti rendi conto quanto il mondo e la vita sia ingiusta.

Fuori case di fango, capanne e gente che non mangia… ma per davvero!

Dentro noi. I turisti che si fanno la vacanza e bevono cocktail a bordo piscina.

Vi assicuro che sono emozioni forti che non possono lasciare nessuno indifferente.

E torni a casa, non solo con una bella vacanza da ricordare, ma con la CONSAPEVOLEZZA che i nostri non sono problemi, ma capricci.

Che noi non possiamo essere tristi. Perché loro sorridono. SEMPRE.

Che noi siamo DAVVERO “I FORTUNATI”. E che ci sono PERSONE che non hanno nulla se non i loro stessi sorrisi.

Nicole & Gianluca

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.