Dove andare,  Interviste di viaggio

Intervista di viaggi #2 – In Sicilia con Barbara: non solo mare e sole

Chi ha detto che la Sicilia è solo mare e sole?

Oggi Barbara del blog Da Grande Sarò Felice ci racconta la sua esperienza nell’entroterra siciliano… a causa del mal tempo che l’ha tenuta lontano dalla spiaggia.

 

Per me si tratta per ora solo di una meta nella mia lista “I posti che devo ancora visitare” ma per una mia cara amica e collaboratrice del blog DdiDonna.com è stata una bellissima vacanza trascorsa in famiglia.

Oggi per voi intervisto Barbara del blog “Da Grande sarò Felice” che ha visitato la Sicilia, non solo sulla costa o spaparanzata in spiaggia, ma l’ha girata come si deve con marito e 3 bambini al seguito!

Vediamo cosa ci può raccontare di interessante su questa terra dai sapori della tradizione…

Ciao Barbara! Intanto ti ringrazio per esserti prestata per questa intervista di viaggio. Direi di partire subito con le domande, cosi non ti rubo troppo tempo.

Perché la Sicilia? Come hai scelto questa meta? E soprattutto era la tua prima volta?

Ciao ragazzi! Ciao Niki!!

E’ un piacere per me essere qui con voi!

Dunque…a dir la verità non doveva essere la Sicilia la meta di questa estate.

Ma mio marito non è molto amante dei viaggi in aereo quindi, nonostante avessi già iniziato a stendere il programma del viaggio “marocchino”, ho dovuto spostare l’attenzione più a nord.

Il sud italia lo abbiamo già visitato escluse Sicilia e Calabria, così alla fine è stata scelta la Sicilia perché ce l’hanno consigliata in molti! E devo dire che abbiamo fatto bene perché è stato amore a… non dico prima vista ma sicuramente seconda!

A dirla tutta in Sicilia ci ero già stata da ragazzina, ma in villaggio e quindi non avevo visto praticamente nulla di questa terra bellissima!

 

Ho letto il tuo reportage sulla Sicilia sul tuo blog Da Grande Sarò Felice e  mi è sembrato di capire che il meteo non fosse dalla vostra parte… ma detto ciò non vi siete dati per vinti! Tanti pensano che la Sicilia sia solo mare… ma voi avete fatto tanto nell’entroterra!

Quali sono i 3 posti o esperienze che consiglieresti?

Si, diciamo che il tempo non è stato come ce lo si aspetterebbe su un’isola solitamente letteralmente bruciata dal calore del sole, ma è stato meglio così perché altrimenti non avremmo mai potuto fare tutto ciò che abbiamo fatto!

Io sono viaggiatrice culturale mentre mio marito è un tipo da ombrellone e abbiamo trovato una via di mezzo! A dir la verità ho tirato acqua un po’ al mio mulino, ma con il brutto tempo posso dire che non se n’è accorto nessuno! Ahahahah!

Se dovessi suggerire tre posti da visitare per forza… direi sicuramente tutta la zona che da Aci Trezza arriva fino a Noto perché è una costa che merita di essere attraversata e goduta.

Piena di storia e di borghi davvero suggestivi!

Non può mancare la salita sull’Etna perché è un’emozione che non ha eguali.

Scalare un montagna è una cosa, scalare un vulcano è tutt’altro e regala paesaggi che altrove non si possono assolutamente trovare!

Sul mio blog ho inserito alcune indicazioni per organizzare la visita ma anche se sembra un gran mistero, alla fine è tutto molto semplice e gestito dalla Funivia dell’Etna!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO DI BARBARA

Immancabile poi la costa nord ovest, da Marsala a Palermo, soprattutto la Riserva Naturale dello Zingaro, da percorrere in barca per scovare calette mozzafiato e un mare che sembra caraibico!

Da non perdere ovviamente il Giardino in memoria di Falcone e Borsellino a Capaci e Via d’Amelio a Palermo, due luoghi nei quali si viene totalmente sopraffatti da un senso di fratellanza e di unione contro tutto ciò che rappresenta la mafia. Inutile spiegare a parole.

E’ un’emozione da provare!

Devo però aggiungere un consiglio: vivere la vita siciliana nel vero senso della parola! Limitarsi al turismo scredita un po’ questa terra così bella e calorosa!

Le persone sono magnifiche e disponibili e richiudersi in hotel o in appartamento senza mescolarsi alla gente del posto sarebbe come perdere più della metà della bellezza di quest’isola!

I mercati storici sono un ottimo fulcro di vita locale!

Noi ci siamo stati e posso assicurare che non hanno nulla a che vedere con i nostri mercati! In Sicilia sono pieni di vita, di vociare, di colori e di profumi!

In qualsiasi zona dell’isola ci si trovi, è sicuramente possibile trovarne almeno uno!

Quindi voi vi siete concentrati soprattutto sulla parte nord dell’isola.

C’è un motivo particolare? Avevate già studiato un itinerario da seguire, toccando luoghi che vi interessavano in particolare?

Io avrei voluto visitarla tutta d’un fiato, ma quando si inizia la stesura del viaggio ci si rende conto della grandezza di quest’isola e necessariamente bisogna ridimensionare le tappe!

Credo che ci vogliano almeno 3 viaggi per riuscire a visitarla tutta!

Forse anche 4 se si aggiungono le isolette! E’ talmente vasta e ricca che ad ogni angolo ci si perde nella sua bellezza!

Ogni volta che viaggiamo pianifico le giornate. Proprio perché ci spostiamo sempre, con i bambini non è proprio immediato riuscire a vivere alla giornata!

Bisogna coinvolgerli e per sapere dove portarli è necessario un lavoro “dietro le quinte” non indifferente che preferisco svolgere comodamente a casa davanti al pc, prima di partire.

Non avevo idea di come fosse la Sicilia, quindi ho scelto due punti sulla cartina che avessero un aeroporto e mi sono mossa attorno a quelli: uno per l’arrivo e uno per la partenza.

Ho cercato sui blog che seguo e sull’immancabile Tripadvisor cosa poter visitare.

Solitamente escludo a priori basiliche e chiese e musei perché (non ditelo a nessuno) non fanno per me!

A me piace vivere la terra, piace mescolarmi con le persone e con la loro vita di tutti i giorni! E, soprattutto, non piace avere tre figli annoiati al seguito!

Così cerco prima di tutto ciò che potrebbe interessare anche a loro e pianifico il tutto!

Non è sempre facile ma con la Sicilia lo è stata un po’ di più!

Già l’Etna è stato un grande aiuto, poi comunque ci sono parchi tematici nei quali i bambini possono attivamente scoprire la tecnologia vecchia e nuova, ficcare il naso nella cultura locale e giocare con la storia!

Insomma, non mancano i modi per divertirsi tutti!

Per quanto riguarda gli alloggi e i posti dove avete pranzato e cenato, ce ne potresti consigliare qualcuno in modo da tenerli in considerazione per un futuro viaggio?

Noi utilizziamo molto Booking e Airbnb. Come alloggio vi consiglio sicuramente Case Playa a Balestrate, nei pressi di Castellammare del Golfo.

Ospitalità e disponibilità sono all’ordine del giorno e Innocenzo con la sua simpatia mette a proprio agio chiunque!

Come “ristorante” posso consigliare certamente AL PANE CONDITO ad Augusta, vicino a Catania. Potrete gustare un pane condito come si deve e proseguire il vostro viaggio sazi e felici! Gli arancini,anzi pardon, LE ARANCINE più buone le abbiamo mangiate alla ROSTICCERIA AL POLLERO a Trapani! Un tripudio di sapori!!!! Aperitivi ottimi a Balestrate a LA PIAZZETTA! Come pure la granita con Brioches!

Un altro posto che consiglio, pur non essendo storico o particolarmente caratteristico, è l’OLD SCHOOL a Palermo! Abbiamo pranzato divinamente, con tutti piatti tipicamente siciliani dai sapori ottimi!!

Si dice che in Sicilia ovunque ci si fermi si mangi bene, ma non è così!

Noi abbiamo assaggiato dei cannoli siciliani che cannoli non erano per niente e soprattutto in una pasticceria storica!!

Quindi poi abbiamo preferito chiedere alla gente del posto e ci siamo affidati a loro!

 

Visto che hai viaggiato con bambini, ti chiedo… a loro cosa invece è piaciuto di più? Consiglieresti questa esperienza anche ad altre famiglie che viaggiano con figli?

Assolutamente si! Mare fa rima con bambini e la Sicilia oltre al mare offre tantissimo altro!

Un consiglio spassionato è sempre quello di coinvolgerli basandosi sui loro interessi o quantomeno cercare di anticipare le visite con delle spiegazioni!

Per l’Etna, ad esempio, la curiosità era già abbastanza alta, ma sapevo che ciò che si aspettavano non sarebbe stato ciò che realmente avrebbero visto, così la sera prima ho mostrato loro alcuni video di eruzioni vulcaniche per rendere entusiasmante la cosa e poi anche di zone vulcaniche spente, per anticipare un po’ il paesaggio! Un’immensa distesa nera!

Altro esempio: per Falcone e Borsellino avrei avuto dei bambini che seguivano i nostri passi senza nemmeno sapere perché, così grazie a YouTube, ho mostrato loro alcuni video degli attentati, anche per renderli consapevoli di ciò che vuol dire realmente la parola attentato, la parola esplosione, la parola autobomba!

Se sia stata empatia o semplice curiosità ancora non lo so, ma sicuramente il loro interesse è salito alle stelle tant’è che hanno lasciato dei fiori anche loro come piccolo segno di passaggio e di unione.

Una volta saliti in macchina la mia bambina mi ha detto: non vedo l’ora di tornare a scuola per raccontarlo ai miei compagni! Direi che ho fatto centro!

Poi ovviamente son bambini e a loro piace il mare, il divertimento, i tuffi in acqua, quindi noleggiare una barca e farsi il giro delle calette è sicuramente un modo per renderli felici!

Oppure gironzolare in bicicletta alla ricerca di una gelateria o di una rosticceria! Lo abbiamo fatto a Palermo ed è stato divertentissimo per tutta la famiglia!

Ultima domanda: cosa ti sarebbe piaciuto vedere ma che per questioni di tempo o di meteo o altro avete dovuto accantonare.

Se devo essere sincera no… Abbiamo seguito abbastanza fedelmente la programmazione del viaggio, magari spostato o anticipato qualcosa ma bene o male quello che volevamo vedere lo abbiamo visto tutto!

Anzi, abbiamo visto anche di più perché è capitato che un paio di giornate dedicate al mare siano state guastate dal tempo e così, zaino in spalla, ci siamo addentrati in borghi che non avremmo altrimenti potuto visitare!

Diciamo che quando di programma un viaggio con bambini è indispensabile prendersela comoda e non avere fretta. Se si trova il giusto equilibrio tra spiaggia e cultura il gioco è fatto!!

Ma è una cosa talmente personale che non si può trovare la ricetta in nessun blog, bisogna solo sperimentarsi e…. viaggiare!

 

Ringrazio ancora Barbara per questo resoconto super-dettagliato sul suo viaggio in Sicilia e vi invito a leggere gli articoli del suo blog in cui racconta l’itinerario giorno per giorno in modo da avere maggiori dettagli. 

Qui di seguito i link agli articoli:

SICILIA: Giorni 1-2-3

SICILIA: Giorni 4-5-6

SICILIA: Giorni 7-8-9-10

E voi? Siete mai stati in Sicilia? Cosa vi è rimasto di questa terra?

Scrivetelo in un commento!

Nicole

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.